Erano pochi. Non c’è stata insomma una mobilitazione di massa, tutt’altro / Uno per uno / Neutrali, appunto, come i caschi blu / Un clima di grande cordialità, quasi d’amicizia / “Ci rivediamo qui tra cinque anni”, ha detto / “Credo sia importante ricordare un periodo che è stato una delle pagine più buie del nostro Paese” - ha detto.

Asfaltature.

- Bic, fiammiferi e caffè.

unreefuso. https://www.facebook.com/unreefuso

UnReefuso

UnReefuso

Brazil - Street art against WorldCup 2014

Palestinian lady collects gas bombs fired by Israeli army. She grows flowers in these bombs.

instagram:

Exploring the Nature and Culture of Sa Pa, Vietnam

To see more photos and videos from Sa Pa, explore the Sa Pa location page.

With its abundant nature and distinctive rice terraces, the Vietnamese town of Sa Pa brings in many tourists and Instagrammers—as well as rapid economic changes. Located 1500 meters (4921 feet) above sea level, Sa Pa is the capital town of Sa Pa District in Lào Cai Province, a region in northwest Vietnam that lies in the Hoang Lien Son mountain range in the far eastern part of the Himalayas and runs along the Chinese border. The mountains in this area are covered with rows of rice fields lined up like staircases, creating an extraordinary landscape.

Sa Pa is home to several local hill tribes of which the Hmong and Dao are the largest. Although the tribes inhabited the region for centuries, it wasn’t until the French colonization in the late 1880s that Sa Pa became recognized as an official town on the national map. Since then, different groups of people have moved in and out of the area due to military conflicts and economic reformations to create the current state of cultural diversity. Today, the rustic living environment creates a large draw for people who want to share in the experience of the frontier town at its full economic boom.

"In Italia sono più di 2 milioni i professionisti che operano in tutti gli ambiti delle professioni creative. Rappresentano il cuore produttivo di 350.000 aziende. Producono il 5,8% del nostro PIL solo nell’industria culturale per un valore di 80,8 miliardi di euro con elevatissimi livelli di crescita nell’area del web e della produzione di contenuti. Più della Fiat, più della pesca e dell’agricoltura insieme, poco meno del fatturato complessivo di Liguria, Umbria e Abruzzo. Stiamo parlando di creativi per pubblicità, eventi e web: copywriter, art director, grafici, programmatori e sviluppatori. Ma anche di chi opera per moda, spettacolo, industria, cultura, media. Designer, autori, sceneggiatori, registi, scrittori, giornalisti, blogger, video-maker, editori. Artisti, fotografi, architetti. E poi stilisti, scenografi, coreografi, costumisti, montatori, compositori, illustratori, traduttori, curatori, ricercatori, artigiani di ricerca. Esponenti di nuovi linguaggi e tecnologie.

(…) Chiediamo il riconoscimento della valenza strategica di creatività e ricerca tecnologica per il rilancio del Paese. Con l’impegno di Governo e forze politiche a individuare iniziative a sostegno, riformulando diritto d’autore e tutela delle idee…”

http://www.change.org/it/petizioni/chiediamo-il-riconoscimento-della-valenza-strategica-della-creativit%C3%A0-per-il-rilancio-del-paese-rivoluzionecreativa

È solo un momento di crisi di passaggio che io e il mondo stiamo attraversando. È solo un momento di crisi di passaggio che io e il mondo stiamo superando.

- Le luci della centrale elettrica

newyorker:

The Stan Terg mine, part of the Trepca complex, in northern Kosovo, has been in operation intermittently since the Middle Ages. In his series “The Bread with Honey,” the photographer Andrew Querner documents the Stan Terg miners and their quiet community: http://nyr.kr/1g1qOZp
Above: On the eighth level of the mine, an engineer prepares for a controlled blast.

newyorker:

The Stan Terg mine, part of the Trepca complex, in northern Kosovo, has been in operation intermittently since the Middle Ages. In his series “The Bread with Honey,” the photographer Andrew Querner documents the Stan Terg miners and their quiet community: http://nyr.kr/1g1qOZp

Above: On the eighth level of the mine, an engineer prepares for a controlled blast.

Putin candidato al Nobel per la pace 2014 per il ruolo giocato nella crisi siriana. Sì, Putin. Quello che “pesta i gay e odia l’America”. Lo stesso tizio che ha invaso la Crimea e che spalleggia il suo fedele Janukovyč - l’ormai ex presidente ucraino che diede il permesso ai cecchini di sparare sui manifestanti. La candidatura è stata promossa dall’Accademia Internazionale dell’Unità Spirituale e della Cooperazione tra Nazioni del Mondo. Che bel paradosso, no? Pace, guerra e spiritualità. Insostenibile coerenza. E pensare che nella stessa lista c’è anche la giovanissima attivista Malala. Che dire…

"Solo perché non accade qui non vuol dire che non stia accadendo"
“Just because it isn’t happening here, doesn’t mean it isn’t happening”

Jack Nicholson e Sean Penn

Jack Nicholson e Sean Penn